Candida e abbigliamento: tutti i consigli per sentirsi bene

Le donne amano essere sempre alla moda e sentirsi belle e in forma. Per evidenziare la silhouette vengono spesso utilizzati vestiti stretti e aderenti, che modellano il fisico, snelliscono la figura ed esaltano le curve nei punti giusti. La scelta di tessuti rigidi, in pelle, o di tessuti sintetici non traspiranti può favorire il proliferare della candida.

Anche l’intimo può migliorare la salute intima

La scelta dell’abbigliamento intimo femminile è molto importante per prevenire malattie e infezioni. Per questo è fondamentale fare attenzione a forme e materiali che possono favorire lo sviluppo di funghi e altre malattie. Spesso infatti indossiamo dei capi in tessuti poco traspiranti o troppo aderenti, che assorbono maggiore umidità e che impediscono alla nostra pelle di traspirare, rischiando di creare un ambiente ideale per la proliferazione di funghi. Alla biancheria intima sintetica sarebbe meglio preferire quella in cotone, che favorisce la circolazione dell’aria. Ancora meglio scegliere capi in fibroina di seta, che aiuta a contrastare la colonizzazione dei funghi. I tessuti traspiranti sono sempre da preferire, sia per prevenire che per aiutare la guarigione.

I pantaloni sono comodi? Meglio la gonna!

Cosa indossare allora per la propria salute intima? Spesso sarebbe meglio tralasciare un po’ la moda ed evitare tutti quei tessuti e quelle tipologie di indumenti che favoriscono il proliferare del fungo o che potrebbero peggiorare l’infezione. Attenzione dunque a non utilizzare indumenti molto stretti, come jeans attillati. Bisognerebbe inoltre evitare indumenti sintetici, come il nylon, che potrebbero intrappolare calore e umidità, favorire la sudorazione e impedire la traspirazione. I pantaloni sono decisamente molto comodi ma, ogni volta che è possibile, è consigliabile indossare le gonne, che permettono la circolazione dell’aria, mantenendo la pelle più asciutta e al sicuro.

Abbigliamento estivo per combattere la candida!

Nei mesi più caldi dell’anno la salute intima è messa a dura prova. In vacanza la sudorazione e un cambiamento di alimentazione possono alterare l’equilibrio locale e potrebbero essere l’elemento scatenante per infezioni e funghi. Anche in questo caso, evitare tessuti troppo stretti e non traspiranti è la giusta soluzione. E ricordate: quando andate al mare e fate il bagno, cambiate immediatamente il costume ed utilizzate sempre asciugamani asciutti e puliti.

Dopo l’attività fisica cambiarsi immediatamente

Tante ore di attività fisica? Alcune accortezze possono migliorare la salute intima, evitando così spiacevoli conseguenze. Anche in questo caso niente indumenti aderenti: il continuo sfregamento con le parti intime può favorire la comparsa di irritazioni, che possono evolvere in infiammazioni. Appena terminato l’allenamento, è buona abitudine cambiarsi immediatamente, soprattutto dopo una sudorazione abbondante. Così facendo si evita che l’area intima diventi umida, troppo calda e favorevole alla proliferazione della Candida.

Top