Cos'è la Candidosi?

La comune infezione da lieviti della vagina, detta candidosi, è un tipo di vaginite: ovvero un’infiammazione della vagina. Quando questa infiammazione interessa anche l’area della vulva, l’infezione prende il nome di vulvovaginite. Nel canale vaginale vivono naturalmente microrganismi come funghi e batteri, ma quando il sistema immunitario dei pazienti è debole e non riesce a controllarli, il fungo Candida Albicans comincia a riprodursi troppo e la proliferazione di questi microrganismi patogeni può portare alla candidosi. Questo fungo può aumentare quando il sistema immunitario è debole o quando i batteri "buoni" (detti lattobacilli) non riescono a tenerne la crescita sotto controllo.

Più spesso, la vulnerabilità al fungo della Candida Albicans è dovuta a diversi fattori quali stress, diabete mellito, un uso protratto di antibiotici, di corticosteroidi o a squilibri della flora batterica vaginale o intestinale. Per evitare il contagio è opportuno prestare attenzione ad alcune norme igieniche, come evitare la condivisione di asciugamani e biancheria intima.

Ci sono momenti in cui sei più predisposta alla candidosi:

  • Se sei in gravidanza
  • Se hai finito un ciclo di antibiotici
  • Se hai il diabete mellito
  • Se hai il ciclo mestruale
  • Se hai un’infezione da HIV

Chi prende la candidosi?

Avere la candidosi è del tutto normale: molte donne la contrarrà almeno una volta nella vita, mentre molte donne possono soffrire di candida ricorrente.

Se non hai mai sofferto di questo problema femminile e credi che potresti averla, rivolgiti al tuo medico. Una volta riconosciuti i tuoi sintomi e saputo che non sono gravi, il medico ti aiuterà a trattare la candidosi con la terapia antimicotica adeguata, non ci vorrà molto per curarla.

Capita sempre a me…

La candida è un’infezione molto comune. Molte ne soffrono almeno una volta nella vita.

Candidosi e gravidanza

La candidosi non ti impedisce di rimanere incinta. Tuttavia, alcuni dei sintomi possono rendere fastidiosi i rapporti sessuali.

Se sei incinta è del tutto naturale che i tuoi ormoni si alterino e influiscano sul tuo corpo, aumentando le probabilità che tu contragga questa infezione.

Se sei incinta o stai allattando e hai la candidosi, parla con il tuo medico prima di prendere qualsiasi medicinale.

Forme di candidosi

Per un’appropriata diagnosi della patologia, è bene sapere che le infezioni da candida si possono manifestare anche in altre zone del nostro corpo. Le più colpite sono:

  • La bocca, un’infezione meglio conosciuta con il nome di mughetto (o candidosi orale), che interessa il cavo orale;
  • Le unghie, affette da micosi;
  • L’intestino, con il nome di candida intestinale. Provoca sintomi che interessano principalmente il sistema gastro-intestinale, tra cui alterazione dell’equilibrio intestinale, crampi addominali e difficoltà intestinale;
  • L’orecchio (candida auris).

Candida cronica e recidivante

In un’alta percentuale di donne (circa il 50%), l’infezione da candida è recidivante. I motivi per cui la Candida tende a recidivare sono diversi, tra questi anche la mancata diagnosi.
A volte si sottovalutano i sintomi (prurito intimo, bruciore) di episodi anche sporadici di Candida albicans, e la candida recidiva tende a diventare candida ricorrente (o candida cronica.) Il problema sorge quando i sintomi non vengono ricondotti alla candida, o se permangono certe condizioni che indeboliscono il sistema immunitario, quali stress, alimentazione ricca di zuccheri o intolleranze alimentari che creano squilibrio nella flora batterica intestinale, il rischio è che la candida si insinui sempre più nel nostro organismo abbattendo ulteriormente le difese immunitarie e favorendo la sua proliferazione.

Importante, quindi, porre attenzione alle proprie abitudini alimentari, preferendo cibi con pochi zuccheri e carboidrati, e affidandosi a fermenti lattici e altri integratori per ripristinare l’equilibrio intestinale.

Top