Micosi vaginale

Micosi vaginale

La micosi vaginale è più comune di quanto si pensi. Si tratta di un’infezione della vagina causata da una proliferazione eccessiva di un fungo (lievito) normalmente presente a livello vaginale, la Candida albicans.

Se hai un arrossamento o un’infiammazione a livello vaginale, potresti avere un’infezione da lieviti. L’infezione si sviluppa quando i batteri “buoni” della vagina (microrganismi che popolano l’ambiente vaginale) non sono più in grado di tenere sotto controllo il fungo o quando il sistema immunitario è indebolito. Si noti che la micosi vaginale non è considerata una malattia a trasmissione sessuale, perché il fungo vive nel corpo delle donne sane e causa questo tipo di infezioni solo in presenza di alcuni fattori predisponenti, come uno squilibrio della flora batterica vaginale.

 

Sintomi della micosi vaginale

I sintomi e disturbi più comuni sono:

  • Prurito
  • Perdite o secrezioni insolite
  • Labbra gonfie e arrossate
  • Sensazione di bruciore intorno alla vulva
  • Dolore durante la minzione
  • Dolore durante i rapporti sessuali

È possibile eseguire un test casalingo per definire se i sintomi manifestati sono riconducibili ad un infezione fungina.

Vediamo i casi in cui è bene rivolgersi a un medico, che saprà formulare una diagnosi certa, generalmente sulla base di un tampone vaginale:

  • Candida vaginale che si manifesta per la prima volta
  • Candida vaginale che si manifesta regolarmente o che ritorna dopo meno di 2 mesi
  • Sintomi che non migliorano nel giro di tre giorni o non scompaiono nel giro di sette giorni
  • Gravidanza o allattamento
  • Rapporti con partner diversi
  • Età inferiore a 18 anni
  • Presenza di febbre, brividi, nausea o vomito
  • Dolore addominale
  • Reazione allergica a medicinali utilizzati in passato

La candida è fastidiosa, ma la buona notizia è che in genere è facilmente curabile. Il farmacista può aiutarti a scegliere la giusta terapia.

Trattamento della micosi vaginale

Le micosi vaginali possono essere trattate con farmaci antimicotici da banco (per lo più ovuli o creme) acquistabili in farmacia.

La cura dell’infezione prevede l’utilizzo di prodotti per uso interno o esterno con principi attivi a base di azoli come il clotrimazolo.

È qualcosa di molto comune, di cui non bisogna vergognarsi.

Le cause della micosi vaginale sono spesso da ricercare nei funghi del genere Candida albicans. Esistono diversi fattori predisponenti, come un sistema immunitario indebolito o l’assunzione di antibiotici, che possono appunto favorire l’infezione.

 

Prevenzione della micosi vaginale

  • Assicurarsi che le zone intime siano pulite e asciutte dopo aver fatto la doccia o aver nuotato.
  • Non esagerare con le pratiche di igiene intima. In condizioni normali, basta lavarsi una volta al giorno.
  • Durante l’infezione, evitare di utilizzare profumi o altre sostanze chimiche irritanti come saponi, bagnoschiuma o doccia schiuma profumati.
  • Dopo essere stati in bagno, pulirsi sempre dal davanti verso il dietro, per evitare di contaminare la vagina con i batteri.
  • Indossare biancheria intima in tessuti traspiranti, come il cotone.
  • Non esagerare con i cibi ricchi di zuccheri e carboidrati raffinati: anche l’alimentazione può avere un’influenza sulla salute intima. Utile inserire nella propria dieta fermenti lattici e altri integratori che favoriscono il ripristino dell’equilibrio intestinale.
  • Dove possibile, evitare e allontanare fonti di stress, che abbassa le difese immunitarie e favorisce lo sviluppo delle micosi.

Alcune informazioni sui lieviti vaginali

La candida vaginale è molto frequente. Generalmente è causata dalla specie Candida albicans, un lievito che normalmente abita nella vagina.

È possibile prevenire la micosi vaginale adottando uno stile di vita sano, che favorisca il rafforzamento del sistema immunitario.